lunedì 27 giugno 2011

Il paese è tenuto in ostaggio da una maggioranza di governo

Non era mai successo nella storia della nostra Repubblica che una maggioranza di governo tenesse in ostaggio il paese. Sì, miei cari visitatori, di questo si tratta: esiste una maggioranza (non legittimata dalle urne) che ha "sequestrato" il paese. Possano accadere scandali, inchieste, sconfitte elettorali; i membri del governo possono ogni giorno partecipare a un gioco al massacro; scoprire che il vero presidente del consiglio era in realtà una persona del tutto sconosciuta alle cronache politiche; assistere ogni giorno a continui litigi, vedere ogni minuto salire la tensione; mandarsele a dire senza tanti complimenti, ecc. ecc. Poi ti volti dall'altra parte, è tutto sembra tranquillo, si va avanti come se nel paese non accadesse nulla, ma proprio nulla. Dico che c'è una maggioranza di governo che ha sequestrato il paese perché il paese è letteralmente scomparso di scena: i suoi problemi, i suoi assilli non esistono, esistono soltanto i problemi di questa maggioranza che deve fare i conti con le intercettazioni, con i processi, con la sua tenuta, con la sua voglia di arrivare alla fine della legislatura, con la sua azione tesa a sopire tensioni, a lenire invidie, ad accontentare appetiti inesauribili. Tutto il resto poi è scomparso: due realtà che viaggiano in direzione opposte. A me, l'impressione che dà questo governo, è che stia governando un'altra nazione, cioè che non stia governando l'Italia, ma un paese estero. Quando ascolto qualche telegiornale mi sembra di sentire notizie provenienti da un altro Stato, forse dalla cosiddetta "Padania"; mi viene persino il dubbio che questo Stato effettivamente esista, che non si parli dell'Italia, perché l'Italia non esiste più, forse è un ricordo delle scuole elementari. Il paese è tenuto in ostaggio di questa maggioranza di governo che gli impedisce di comunicare con l'esterno, di manifestare il proprio disagio, ed è completamente immobilizzato. Cosa chiede il signore di Arcore per rilasciare il suo ostaggio? Un'immunità parlamentare? Un salvacondotto a vita? Si può andare avanti così fino al 2013 guidati soltanto dalla paura di perdere l'elezioni? Si può restare incollati alle proprie poltrone restando del tutto indifferente a quel che accade nel paese? Cos'altro deve succedere ancora per far smuovere questa maggioranza di governo? Ma non vedono ogni giorno che passa che il paese è sempre più stanco e sfiduciato? Che i giovani vanno alla deriva perché non credono più a nulla e in nulla? Quali esempi stanno dando alle future generazioni? Quale lezione di vita stanno loro impartendo? Che bisogna essere indifferenti a tutto? Che accada quel che accade l'importante è salvare la pellaccia? Che non esiste alcuna etica pubblica? Che la miglior cosa è farsi i propri affari e trarre il maggior profitto dalle circostanze anche se ciò comporta un danno per l'intera collettività? Signori e signore della maggioranza mettetevi una mano sulla coscienza (se ancora ce l'avete) e restituite questo paese ai legittimi proprietari, cioè ai cittadini italiani, lasciate che siano loro a decidere delle proprie sorti, lasciate che questo paese che avete preso in ostaggio sia restituito alla sua normale dialettica politica.
Posta un commento