Glossario Etoanalisi


Alter: sistema osservato, esterno ad Ego.

Ambivalente: tutto ciò che rimanda a un altro. Un atto ambivalente può riferirsi tanto alla situazione quanto al Sé (o a uno aspetto del Sé). L’ambivalenza è una modalità interattiva.


Ego: sistema osservante che in base a un codice (tratto) definisce ciò che è interno al sistema e ciò che è esterno ad esso. È Ego (osservatore) che attribuisce ad Alter motivazioni, intenzioni, scopi del suo comportamento. L’osservatore osserva sempre ed unicamente dal suo punto di vista.


Etoanalisi: analisi profonda del comportamento interattivo nell’ambito delle relazioni umane.


Interazione focalizzata sul Sé: in ogni interazione orientata sul Sé sono presenti sia la definizione di Ego (colui che osserva all’interno della modalità) sia la definizione di Alter (colui è osservato), perciò se Ego definisce sé implicitamente (o esplicitamente) definisce Alter, allo stesso tempo però, se Ego attribuisce ad Alter un punto di vista, allora attribuisce ad Alter una definizione di se e una definizione di Ego.


Io: è la forma attraverso la quale un sistema osservante si individualizza e si identifica.


Relazione: la relazione è una dinamica interattiva formata da una sequenza di eventi, nella quale ogni evento è riconducibile a un altro evento. Le relazioni possono essere di tipo
a) contingenti: l’unico legame che unisce gli agenti è il fatto di venirsi a trovare per una serie di circostanze nella medesima situazione. Pertanto, al di là della mera situazione contingente, nulla lega gli agenti. In tal caso, l’interazione è limitata al rispetto delle reciproche distanze.
b) convenzionali: la relazione è dovuta al rispetto del reciproco riconoscimento, secondo quanto prevedono le convenzioni stabilite socialmente e culturalmente. L’interazione è focalizzata alla presa di contatto.
c) strumentali: la relazione è finalizzata a una richiesta o a una prestazione socialmente prestabilita. L’interazione è limitata alla soddisfazione della richiesta o della prestazione.
d) interpersonali: sono relazioni connotate da una continuità temporale (di breve o lungo periodo), e possono essere di tipo formale o informale. L’interazione è limitata al riconoscimento del ruolo.
e) affettive: tutte le relazioni che prevedono un coinvolgimento del Sé. L’interazione è focalizzata sulla stessa relazione.
Queste relazioni occorre concepirle come cerchi concentrici, ossia la relazione e) include le relazioni d), c), b), a); così la relazione d) include le c), b), a); e cosi via.


: Ambito non disponibile ad Alter.


Tratto: Il tratto è un codice di riconoscimento che fraziona un intero in parti. Il tratto possiamo intenderlo come un “codice” che permette all’osservatore di riconoscere le due parti differenziate all’interno di un intero.

(Questo glossario sarà arricchito di volta in volta)