venerdì 10 giugno 2011

Il codice deontologico del perfetto giornalista obiettivo e non faziozo

Ecco il codice deontologico da seguire per diventare un perfetto giornalista obiettivo e non fazioso:

  1. Dare soltanto notizie che fanno piacere al capo ed evitare quelle che non fanno piacere.
  2. Esporre soltanto il punto di vista del capo e ignorare quello di coloro che non sono d'accordo.
  3. Non porre mai domande scomode al capo, ma lasciarlo liberamente esprimere senza interromperlo.
  4. Sorridere sempre quando s'intervista il capo e accompagnare le sue parole con gesti di approvazione.
  5. Evitare assolutamente di citare fonti o notizie che possano minimamente mettere in imbarazzo e nuocere il prestigio o l'onorabilità del capo.
  6. Quando non si può fare proprio a meno di rispettare l'articolo 5, parlare comunque d'altro (omicidi, gossip, tempo, ecc.).
  7. Vale soltanto l'ultima dichiarazione del capo: vale cioè il principio che tutto ciò che è stato fatto o detto in precedenza anche se palesemente in disaccordo con ciò che è fatto o detto al presente non conta.
  8. Minimizzare tutto ciò che direttamente o indirettamente può dare fastidio o offuscare l'immagine del capo.
  9. Attaccare e criticare tutti coloro che parlano male o che criticano il capo.
  10. Dare il massimo risalto (e possibilmente enfatizzarla) a ogni minima notizia che mette in buona luce l'immagine del capo (e se non ce sono bisogna comunque scovarle).
Posta un commento