mercoledì 29 giugno 2011

Bersani o i dilemmi della politica


Caro Bersani,
ciò che il duo B&G sta preparando
è un trappolone grande quanto un palazzo ministeriale
altro che "presa in giro degli italiani"
o "farsa drammatica"!
Or ti domando:
come segretario del maggior partito di opposizione
cosa hai in mente di fare per non cadere
paro paro in questo trappolone?

 a) Raccogliere altri dieci milioni di firme per respingere la manovra del governo?
b) Aspettare i saldi di gennaio per avere uno sconticino sulla manovra?
c) Fare tutto il possibile per evitare di vincere
le prossime elezioni politiche?

Quanto alla soluzione a) non mi sembra una buona idea (io, ad esempio, non rifirmo); la soluzione b) potrebbe funzionare, però gli sconti potrebbero non essere pari a quelli attesi; credo che la soluzione migliore rimanga la c) per due ragioni: la prima, è che siamo già avviati su questa strada, quindi abbiamo già percorso metà del cammino (come dice il proverbio: chi ben inizia è a metà dell'opera!); la seconda, meglio perdere le prossime elezioni che non perderle per altri dieci anni!
Naturalmente, in tutto questo c'è un prezzo da pagare: perdendo le prossime elezioni la sala del bunga bunga sarà trasferita al Quirinale, perché il duo B&G si divideranno i compiti: il primo continuerà ad occuparsi di "pilo" e il secondo di pil. Pazienza, Bersani, se questo è il prezzo da pagare lo pagheremo, malvolentieri. Se poi tu hai in mente un'altra soluzione affrettati a comunicarcela, perché noi qui non stiamo mica a grattugiare il pane per far polpette avvelenate a chi verrà dopo di noi: ci siamo intesi?

Posta un commento