domenica 29 maggio 2011

Mancanza di immaginazione

Continuo a seguire i commenti degli "autorevoli" opinionisti: comunque vada non cambierà niente! Non ci sarà nessuna implosione. Ci sarà soltanto una lenta e lunga agonia del berlusconismo. Tutt'al più. Berlusconi per quanto ferito ha una riserva di vitalità sorprendente (Amicone). Beato lui!
Libero evoca un articolo di Giampaolo Pansa: la sinistra aspetta la sua Piazzale Loreto. Come si vede non si ha la capacità di andare oltre il tema della paura. Una tizia cerca di convincere se stessa (e noi) che in realtà le cose siano alla fine rimaste invariate. In fondo, dice, basta guardare i flussi elettorali per vedere che non c'è stato un grande spostamento (sic!). Cioè, il terreno politico sta franando e questi s'aggrappano ai flussi elettorali!
Questi commentatori dicono che quando sbagliano i magistrati la devono pagare; ma quando sbagliano loro invece cosa accade? Vengono cacciati a pedate dalle redazioni dei giornali? Ma no, in fondo non fanno danni all'umanità, ma soltanto ai loro lettori. Dovrebbero essere dunque i lettori a prenderli a pedate quanto verificano che le cose vanno nel verso opposto da come avevano previsto.
La verità è che non sono capaci di comprendere ciò che sta accadendo in Italia. Sono privi di immaginazione o sono soltanto spaventati. Non hanno capito che siamo di fronte a una crisi di sistema, paragonabile, per alcuni versi, alla stagione del 1992/93, quella per inteso che va sotto il nome di "Mani pulite", che portò a un'implosione del sistema politico.


Ore 19.30
A Milano aumenta l'affluenza al voto rispetto al primo turno; dal momento che il centrodestra si è aggiudicata tutta l'area dell'astensionismo, questo aumento dovrebbe valutarlo come un segno positivo a suo favore. Penseranno: i milanesi che non ci hanno votato al primo turno, dopo questa "minacciosa" campagna elettorale usciranno dalla loro indecisione. Tranquilli. L'aumento è dovuto soltanto al fatto che l'elettorato di sinistra aveva più voglia e più fretta di andare a votare.  
Posta un commento